Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Sabato 20 Ottobre 2018 5:09


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2011 << Indietro

Sezione Poesia
LU SANAPURCLLU
di Firinu Costantino

Stammatna 'na Costa rvutta.
L cn s mngn lu mnnu,
r ppr sbalin fuscnn.
'Mmizz' a la chizza,
'ngmm'a nu tnillu,
ugna nu purcillu marturitu.
S sindn l grm turnu turnu,
l'ria frsc 'nda lu v cntu.

Cummr Mara , ttta 'ndruvlta,
s'affccia a la purtlla, sbraitnn:
"Sttv cttu, ttt qunda!
Accuss rsctte
a qur nma r Du ch rrm ".
"Ch succr ?"
Addummnna z Andniu,
cu 'na sglia 'mmn
na pttula ra fr.

"ia mntu lu sanapurcllu",
muschia z Mna ra lundnu,
trmba psta rnd' a la matrlla,
sciuscinn gn' msca ch s'accgli.
La gnd' arrta
attur' a lu tnillu,
rr cundnda
s rfrsca,
a la rscia ch trs
ttta rnd' a r' ssa.

Nu criatru, cu nu mursu 'mmn,
vl smccin ch succr,
allca uttu uttu br
znzul rss cura cu flu.

Rusnlla sbalnga la funstra,
cu na ncca 'mbrnd
ttt'allcchttta.
La za l' affrra p na trzza,
l cummglia l'ucchi p lu scurnu.

Cumba' Ncla , cm'a nu chirrgu,
s'accr l'nma, atturn' a lu purcillu:
nun trva chi la chica r la va,
'mmca ml parl cs r Du.

Z Chlccia annsul' assttta,
a Sambrangscu chm' a vc azta,
p fa' 'rva' lu purcu a la vrnta,
sn s' nna mangi slu 'mbarnta.

Z Pppu, cu na sca appsa,
ss ra fr za l'ucchi 'ngilu,
vr lu timbu, zcula la cpu,
na 'nz srdu, trn' a fatin.

Arrva Lucitta , pnda pnda,
cu na quartr' nu sunlu 'nnnd,
s ctela, scnnnne p la va,
tnna tnna, pre na patna.

Z 'Ndniu, cu la sglia 'mmn,
la tzzla ra rnd'a la vtrna,
l mmnna nu vsu cu r ddta,
s scrda cdda rc:"Bnrca!".

Lu purcillu s mmglca 'mburitu,
'mbruscna a z Ncla 'nda la lta,
s sfrcchila ra mizz' a tnda mn,
abba a fsc fc n'ammunu.

cnda Lucitta, pnda pnda,
cr la quartra appna nda,
s'arrtra cu la spra 'mmn,
'mbssa, cu 'na brtta cra.

Z 'Ndniu, cu la sglia 'mmn,
fc tr bbt l scungir,
ddi vt rc:"Bnrca! ",
ma qura fc crna cu r ddta.

Fsc lu purcillu p la va,
'ngrra 'nnnd, a z Mna ch s'abba,
cu nu tumbgnu 'ngpu r trandn,
p la nra cdda parturn.

Nu criatru s'appzzca a nu plu,
agghiuvtu, muortu r para,
chima la mmma, l'attan' la za,
lu sindn fn' a la Iumra.

Giambilppu, ch'affla lu raslu,
chima lu urdiu l carabbnir,
s fc mn l pampanzz,
ca 'ndacctu lu ns' a Lucinu.

Rusnlla, ttt' allcchttta,
prnda gi ra m, p gi' a la scla,
s' azznga lu sunlu 'mbusmtu,
ddc ca, fin' a ch mr,
nun mngia mi chi, zazcchi cila.

Mara s' affccia a la purtlla,
'mbstialt' cu la scpa 'mmn.
Cu z Ncla slu, s la pglia,
ca scunztu lu sunn' a qura fglia.

Z Chlccia, ra cmma a nu tusllu,
fc crc a 'mmne mangna.
Giamblppu s 'nghir a lu salnu,
p nu 'ndacca' n'arcchi a Lucinu.

Z Pppu, smb na 'nz srdu,
ss ra fr cu la sca appsa,
urda lu cilu, nu psseru ch' abbla,
ddc, cu lu chind' a l'ucchi:
" Vit' a t ch' abbul!
Qua nun succr mi
nu fttu nuvu."


Il Castraporcelli

Questa mattina, Via Costa sconvolta.
I cani si mangiano il mondo (sono irrequieti),
le oche corrono scompostamente, fuggendo.
In mezzo alla piazza,
sopra un piccolo tino,
si divincola un porcello martoriato.
Si sentono i grugniti tutt' intorno
e l'aria frigge nel vicinato.

Comare Maria, tutta fuor di testa,
si affaccia alla piccola porta, sbraitando:
" State zitti tutti quanti!
Cos svegliate
quell'anima di Dio che dorme."
"Che succede?"
Chiede zio Antonio,
con una lesina in mano
e un lembo di camicia che fuoriesce.

"E' venuto il castraporcelli",
cantilena zia Mena da lontano,
e manipola pasta nella madia,
scacciando ogni mosca che si avvicina.
La gente perde tempo
intorno al piccolo tino,
ride contenta
e si rinfresca,
all'arietta umida che entra
tutta nelle ossa.

Un bambino, con un pezzo di pane in mano,
vuole scoprire quel che succede,
osserva di nascosto e vede
sfilacciamenti rossi e aghi con filo.

Rosinella spalanca la finestra,
con un nastro sulla fronte
e tutta agghindata.
La zia l'afferra per una treccia,
le copre gli occhi per la vergogna.

Compare Nicola, come un chirurgo,
si uccide l'anima, intorno al porcello:
non trova pi il controllo della situazione,
mescola parolacce e cose di Dio (preghiere).

Zia Micheluccia ascolta seduta,
San Francesco invoca a voce alta,
per far vivere il porco fino all'inizio dell'inverno,
altrimenti dovranno mangiare solo polenta.

Zio Peppe, con una sega appesa,
esce fuori e alza gli occhi al cielo,
osserva com' il tempo, scrolla la testa,
un po' sordo, e torna a lavorare.

Arriva Lucietta con un'andatura sicura,
con una quartara (recipiente di terracotta) e un grembiule davanti,
sculetta, scendendo per la strada,
rotondetta, e sembra una patata.

Zio Antonio, con la lesina in mano,
richiama l'attenzione, bussando sul vetro interno della porta,
le manda un bacio con le dita,
si dimentica che deve dire: "Che tu sia benedetta!"

Il porcello si agita infuriato,
trascina zio Nicola nel fango,
sguscia in mezzo a tante mani,
incomincia a fuggire, e fa una grande confusione.

Si spaventa Lucietta con un'andatura sicura,
cade la quartara appena riempita (di acqua),
ritorna a casa (solo) con lo straccio in mano,
bagnata e con una brutta cra.

Zio Antonio, con la lesina in mano,
fa tre volte gli scongiuri,
due volte dice:"Che tu sia benedetta!"
ma quella fa le corna con le dita.

Fugge il porcello per la strada,
travolge zia Mena che si avvia,
con una tavola in testa piena di gnocchi di pasta,
verso la nuora che deve partorire.

Un bambino si arrampica ad un palo,
illividito e morto di paura,
chiama la madre, il padre e la zia,
lo sentono anche in contrada Fiumara.

Gianfilippo, che affila il rasoio,
chiama la guardia e i carabinieri,
si fa venire le convulsioni,
perch ha intaccato il naso a Luciano.

Rosinella , tutta agghindata,
e pronta, da molto tempo, per andare a scuola,
si sporca il grembiule inamidato,
e dice che, finch vivr,
non manger, mai pi, salsicce e polmone di maiale.

Maria si affaccia alla piccola porta,
inferocita e con la scopa in mano.
Con zio Nicola, soltanto, se la prende,
perch ha disturbato il sonno a sua figlia.

Zia Micheluccia, dalla sommit di un piedistallo,
fa croci con la mano mancina.
Gianfilippo si chiude nel salone (da barba),
per non intaccare un orecchio a Luciano.

Zio Peppe, sempre un po' sordo,
esce fuori con la sega appesa,
guarda il cielo, un passero che vola,
e dice, con il pianto agli occhi:
" Beato te che voli!
Qua non succede mai un fatto nuovo."
San Sossio Baronia 27/10/1996
Successiva -->>
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 20/10/2018
News 18/10/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018
Ricordi quando 18/07/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!