Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Mercoledì 21 Febbraio 2018 2:33


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2015 << Indietro

Sezione Poesia
AMORE E LITIGI
di Ciampolillo Gennaro

So' quarantann' ca sim' spusat',
oj quanta vot' ca n'amm' sciarrat'.
lu prim' juom', vir' lu demonio,
fuj proprj lu juom' r' matrimonio.
Ra quir' mument', quant'ammuin',
fatt' la sera e po' la matin';
io ca ricev' "no" e essa ca riceva "SÌ"
e, bene o male, è ancora accussì.
O p' nu mutiv' o p' nu problem',
pur' la casa m' par' ca trem',
ma chi r' vuj, ca qua è present',
a na mugliera s' fir' r' sent'?
Na vota è la sposa, nata vota lu spos',
rimm' na casa a 'n do' trov' ripos'.
Cert', s' sciarr' p' doj fssarij,
in ogni famiglia ... maronna mij.
Ci stann' cummedij, alluce' e mazzat'
però a la sera, tutt' e duij abbrazzat'
s' rinn': "Tesor', ma quant' si bell'"
"È meglj nu vas' ca st' tarantell'?"
L'amore, si sa, lo dice il proverbio,
vince. alla fine. su ogni diverbio_
Vale per tutti, una sola maniera:
"Facit' la pace, marit' e mugliera".
"Rimm', a che serv' chiamà l'avvucat'?
Sp'nnit' li sold' e che guaragnat'?
Li guaj, li figlj e quanta prublem';
è meglj nu sciarr' e la casa ca trem'.
Lasciateli in pace, st'amici avvocat',
peggio è p' vuj ca po' v' sciarrat',
p'rdit' lu tiemp' e lu cor' s'ammal'
a saglj e scenn' p' sti tribunal'.
Io mo' v' ru dic' com' s' face
per viver felici e tutt' e duj in pace.
Cu doj parol' e ti spiego cum'è:
"Tu suppuort' a essa e essa supporta a te"
Allor', è capi t' che bell' cunsiglj
e, prima ca raggia e nierv' v' p'glj,
rall' nu vas', abbrazza la moglj
e giat'v' a core' ... ru vi ca s' spoglj.
Successiva -->>
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 07/12/2017
Eventi 21/10/2017
News 14/10/2017
Statistiche demografiche 23/09/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!