Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Mercoled 21 Febbraio 2018 2:30


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2011 << Indietro

Sezione Poesia
NA FSTA R AT TIMB
di Firinu Costantino

La prma vta ch scitt' a lu pasu,
m prdii 'mmizz' a pcur mndn,
cicc, sciummnd, ppr pastr.
M stva fr, ass sapva:
pcur ggiu lasstu, pcur m trvu.
Passi 'mmizz' a tnda znghr
ch' appattvn p nu vvu,
lu sngu m 'nghianva 'ngpu.
Vritt na vrnga r muscnd,
ttt' afflart 'mbusmt,
cm' a l pl r la vgna r Ncla.

chi cu na rrca 'ngullu,
chi cu nu mzzttu 'mmn,
rallvn, a frte.
Quru cu l cupirchi mngu pazziva,
nun t rcu quru ch succrva.
nu, cu na trmba 'mmcca,
s facva mn l pampanzz:
sprtiva ra ttt l qurt
abbuttva cm' a nu vcciu.
Pannaccir vicchi rvn pitte sps,
ttt qunda s'arrtrvn' la csa,
cu na mappta 'mmn nu surrsu.
Nu pappallu pzzulva la furtna,
r guaglird rrvn cundnd,
mngu s' avss pzzult ' a llr.
A na csa cu na crc m 'mbundi.
Mar, qund' ra!
Arrt' arrtu stva na frriata:
l a mtt pcur, uaglin mi !
Atturnu, nu lamindu trra trra:
nu, strttu rnd'a nu iusllu,
spiva cu na grattacsa 'nnand,
s'ammuinva, po' musichiava.
N' tu, rnd' a na tnlla,
mnazzv' a ttt qunda cu r 'mmn,
la surta scnnva cm' a na fundna.
nat' angra,cu na cippra fumulnda
rcva: " M t la mngu, m t la mngu!"
lu fmu m'acchiappva 'ngnna.
P s'abbir p tttu lu pasu,
' scitt' a muzzchia' na 'nz r pn.
Qunnu snditte trnla battammra,
m'annaccui arrt' a na supla,
assitt slu qunnu cal lu slu.
Stva cu l' t a prde timbu,
stva cu l' t stt' a l lambin,
qunnu, rnd' a na spcia r pagliru,
trasir qur' ummn r prma.
Ctt' quit p na blla 'nzn,
p ttt qunda s' abbir' ant,
accummnzr n' ta vta, a frt,
a sparpatscia' lu cr' la vussca.

Vritt' a nu 'ngmm' a na casctta,
ch rallv' a l' ria, cu na mzza 'mmn,
s scgliva l capill' ghiastumva.
P la para m n scitt fr,
dcitt: "M' hnn fttu fssa m,
m' a lu pasu, nun g trnu chi".


Una festa di altri tempi

La prima volta che andai in paese,
mi persi in mezzo a pecore e montoni,
asini, giumente, papere e pastori.
Me ne sarei stato in campagna se lo avessi saputo:
pecore ho lasciato e pecore ritrovo.
Passai in mezzo a tanti zingari
che litigavano a causa di un bue,
e il sangue mi saliva alla testa.
Vidi un gran numero di musicanti,
tutti in fila e impettiti,
come i pali della vigna di Nicola.

E chi con una radice (trombone) addosso,
e chi con un mezzetto (tamburo) in mano,
picchiavano, o fratelli.
Quello con i coperchi nemmeno scherzava,
e non ti dico quel che succedeva.
Uno, con una tromba sulla bocca,
si faceva venire le convulsioni:
" strombettava"da tutti i lati
e si gonfiava come un tacchino.
Venditori ambulanti vecchi regalavano (vendevano) piatti larghi,
e tutti quanti ritornavano a casa,
con un involto in mano e un sorriso.
Un pappagallo sceglieva con il becco un foglietto con l'oroscopo,
e le ragazze ridevano contente,
come se avesse dato loro un pizzicotto.
Presso una casa (chiesa) con una croce mi fermai.
Madonna, quanto era grande!
In fondo c' era un' inferriata (balaustra):
l, a mettere pecore, ragazzi miei.
Intorno, un lamento leggero, leggero:
Uno, (sacerdote) stretto in un ricovero per animali (confessionale),
spiava dietro una grattugia (grata),
si addolorava e poi parlottava.
Un altro, in un piccolo tino (pulpito),
minacciava tutti quanti con le mani,
e il sudore scendeva come una fontana.
E un altro ancora, con un ceppo fumante (incensiere)
diceva:"Ora te lo lancio addosso, ora te lo lancio addosso! "
E il fumo irritava la mia gola.

Poi si avviarono (in processione) per tutto il paese,
ed io andai a mordicchiare un po' di pane.
Quando sentii il rumore di tuoni e petardi,
mi nascosi al riparo di una siepe,
e uscii solo quando tramont il sole.
Stavo, a sera, con gli altri a perdere il tempo,
stavo con gli altri sotto i lampioni,
quando in una specie d pagliaio (palco con cassa armonica),
entrarono quegli uomini di prima.
Zitti e quieti, per un bel po',
poi, tutti quanti iniziarono a suonare assieme,
e incominciarono un'altra volta,o fratelli,
a sconquassare il cuore e la vescica.

Vidi uno (il maestro della banda), sopra una cassetta
che picchiava l'aria con un bastone in mano,
si scompigliava i capelli e bestemmiava.
Per la paura, ritornai in campagna,
e dissi: " Mi hanno fatto fesso ora,
ma, in paese, non torner pi."
San Sossio Baronia 16/02/1995
<<-- Precedente Successiva -->>
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 07/12/2017
Eventi 21/10/2017
News 14/10/2017
Statistiche demografiche 23/09/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!