Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Lunedì 16 Luglio 2018 6:56


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2013 << Indietro

Menzione Speciale
Sezione Poesia
ZAPPA…ZÀ
di Ciampolillo Gennaro

Ra semb' m'hann ritt':
"Camì ca sì cafon',
và piglia lu zappon',
statt' cuiet' e citt' ".

Lu juorn' cum' spont',
o sol' ca t' scali'
o acqua ca t"nfonn'.
Zappa zapp' e ralla rall'.

Miet' gran' e puta vit',
capa 'nterra e nun risponn',
po' la sera, ohi che vita,
a lu puorc' puort' fronn'.

Nun ci steva lu trattar',
e usamm' p'rt'car',
si lu vov' la t'rav',
tu, ra ret', la vuttav'.

Oh, mannaggia che jurnat'
r' fatic' e tanta stient',
semp' chin' r' surat',
t'arr'tir' e nun t'abbient.

Si turnav' a la pagliera,
manc' là t'arr'pusav':
tutta stanc' la truvav',
quera pov'ra mugliera.

Essa aveva pr'parat'
la buffetta cu ru pa n'
e vulleva la pignat'
fav', cicir' o patan'.

"Tras' rint' ca t'abbagn' !"
La farin', lu cirnicch'.
"Uaglià piglj duj zazicch"'
"Meglj un', ca sparagn".

Là, vicini a lu cippon',
t' scurdav' r' fatic',
po' riciv' quatt' cunt':
cos' vecch', cos' antic'.

T' scurdav' tanta uaj,
passa osce, ven' craj,
li scarfuoglj' p' giaciglj',
là rurmev'n' sei figlj'.

Doj t'rat' a nu tuscan'.
"Né uagliò, chiur' sta port' !",
la si nt iv' mezza mort'.
"Bona nott' e a duman"'.

Io, però, guardav' l'uort',
ohi, quant'acqua ca vuttav'
e la robba strascinav'.
"Pur' auann' è sciut' stuort"'-
Trevico
Successiva -->>

Recensione
Tutto il fascino della poesia dialettale in un testo che si contraddistingue per la sua cantabilita' intensa e suggestiva e tutta l'arguzia e le possibilità comunicative dei testi popolari.
Rodolfo Vettorello
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 05/08/2018
Guestbook 10/07/2018
News 12/05/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!