Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Venerdý 22 Giugno 2018 9:18


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2013 << Indietro

Sezione Poesia
EMOZIONI
di Boccella Italia

Sono scesa gi¨ al fiume
e nella tua assenza resto qui a parlarti
con una fetta di luna in mano.
E intanto si fa giorno.
Colgo questa tua immagine, papÓ,
nello scorrere irruente delle acque e ascolto:
il silenzio mi pervade l'anima.
Ti rivedo curvo sull'aratro di ferro,
i buoi bianchi stanchi sotto il peso del giogo,
il solco scavato fuma di terra fresca
e prende forma poco a poco.
Odo lo schiocco e la sferza sugli animali,
il cigolio dell'aratro usurato.
E poi il grano seminato,
la sarchiatura e i canti che si perdono
in un'eco lontana.
D'improvviso rumori come passi...
sarai tu?
Ti vedo come fossi vivo
Il mio cuore si rapprende,
si stringe un groppo in gola,
colgo ancora il tuo viso bagnato dal sudore,
i tuoi radi capelli,
gli occhi espressivi,
le rughe segnate dal tempo
e quelle mani incallite...
Parole che non ho,
momenti che fermo nei miei pensieri.
Spigolavo da bimba in quel campo di grano,
mentre tu, papÓ, con la falce in pugno,
lo raccoglievi in fasci per la trebbiatura.
Ecco, sono di nuovo al fiume;
quell'acqua pura,
quei colori di luna e di sole,
quella valle ormai incolta,
quei ramoscelli di ulivo,
mi parlano di te e della mia fanciullezza.
╚ qui che ti sento vivo,
Ŕ qui la tua e la mia libertÓ.
Ora la mia mente sgombra
vola al divino.
Successiva -->>
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 09/06/2018
News 12/05/2018
Eventi 10/05/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!