Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Martedì 17 Luglio 2018 19:19


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2014 << Indietro

Terzo Premio
Premio Scola
Sezione Poesia
"LI M'STIER'"
di Ciampolillo Gennaro

Sembr' na vit', eppur' par' aier' ci stev'n'
nu sacc' r' mistier'
Ij, m'arr'cord, er' criatur:
sart', f'rrar', scarpar' e muratur'.

A poc' a poc', fin' a lu sessant', so'
scumpars' quas' tutt' quant'. Mò è
rumast' sul' qualche run'
ma muort' quiss' nun staj chiù nisciun'.

A l'ep'c' ... na cos' s' scasciav'?
Ci stev' chi eu nient' l'aggiustav'. Nun era
cum' a mò ca piglj e giett', n'accatt' una
nov' e nun aspiett'.

A quiri tiemp', uagliò, sient' e citt', si nu
cazòn scev' larg' o stritt',
a qualche brav' sart' lu purtav'
e ropp' duj juorn' l'aggiustav'.

Tant'ann' fa, negozij nun c' n'er'n', oggi,
invece, nui sim' chiù mudern' nun c'è lu
sart'? Nun è fa fatic',
eu quatt' pass' arriv' a la boutic'.

Sott' a na scarp' assev' nu purtus'? Giust'
p' dicj, n'ata cusarell',
tu la purtav' a lu solachianell', la
r'parav' e la m'ttev' in uso.

E accussì, pur' p' tanta fatt',
nu fierr' viecchj o na porta rott',
subb't subb't ... quatt' e quatt'ott'
truvav' lu mastr', buon' e adatt'.

Tu, già m' ricj: "Embè che t' n'mport',
r' riparà quiru fierr' o quera port'?
Nun faj chiù priest' e staj chiù s'cur',
s' t' r'accatt' nuov' e meglj pur'?

Cert' ca truov' tutt' a lu m'rcat' o
rind' a li negozi r' Vallat'.
Tant' p' dicj... vuò nu rubb'nett'? Quant'
n' vuoi ... ma pò chi t' lu mett'?

Ecc’ p’cché, pìnsav’ proprij aier’:
“Appost’ r’ ci fa mieric’ o ‘ngighier’ nun
Fuss’ meglj ìmpararcj nu m’stier’?
Stess’m’ buon’ e senza chiù p’nsier’.

Ma chi s'impara chiù , r' sti vagliun'!
Tutt'a la scol' ... a l'università.
Accussì vai lu munn' e che vuò fa,
si la fatia nun staj chiù p' nisciun'.

Li laureat', mò, so quas' tutt',
ma staj la cris' e poc' uccupazion' e
intant' ca si trov' suluzion',
lu rubb'nett' aspett' ... ancora rutt'.
Successiva -->>

Recensione
La poesia evoca in una dimensione corale un panorama di vecchi mestieri ormai scomparsi, di preziosi artigiani del passato che sapevano rispondere alle esigenze spicciole della quotidianità. In parallelo, schizzato con pochi tratti, l’orizzonte del lavoro di oggi, frutto di un percorso universitario che gratifica culturalmente ma che spesso non garantisce un ‘occupazione adeguata nel mercato del lavoro, un mercato per altro ormai quasi totalmente privo di attività artigianali. Emerge così dal testo un confronto tra passato e presente, oggettivamente scontato, ma presentato in maniera colorita e accattivante, anche grazie all’uso del dialetto, piacevolmente strutturato in rime baciate e alternate.
Maria Raffaella Calabrese De Feo
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 05/08/2018
Guestbook 10/07/2018
News 12/05/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!