Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Lunedì 16 Luglio 2018 7:03


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2011 << Indietro

Sezione Poesia
ADDORE E CASA MIA
di Mauro Giuseppe

Sei juorne ce so' mancato a ‘ccà,
sei juorne appena,
chesto è tutto.
Ma, sarà pecchè chillo addò steve
era luogo e sufferenza
ca m'è parze ‘n'eternità.
‘Na nutizia ‘mpruvvisa,
a paura che t'arravoglie a capa
dint'a ‘cchiù e mille penziere
e s'appresenta a malatia.
Chella brutta overamente.
Liegge e carte
uno, ddoje, dieci, vinte vote
e me pare ca nunn'o vuò capì,
comme pe' nun t'arrennere
a chello ca ce stà scritto.
Ma o male chill'è:
te miette paura d'o nummenà pe ‘ll'ate
figurate pe' te stesso.
E allora accummencie
a corsa o meglio spitale,
o miereche ca te dà ‘cchiù sicurezza.
Ecco,
proprio accussì è succieso a me
comme a chi o sape
a quanta migliare e cristiane.

Ma po' doppe e primme juorne
ca passe a fa a pesata e tutta a vita toja
comme si già fusse muorte,
te riende cunto ca
o miereche ‘cchiù bravo
o tiene vicino a te
pure si nunn'o vide.
Aspetta sulo ca tu o chiamme
e ca t'affide a Isso.
Dicimme a verità…
se po' fa ‘na scelta meglio?
E no,
chillo c'ha dato a vita
figurammece si mò c'a vulesse levà.
E, detto fatto,
c'aggie parlate chiare,
comme a ‘nu viecchio amico.
M'ha ditto: “ nun te preoccupà,
m'o veco io”
e me songhe abbandunato a Isso,
a vuluntà soja.

Beh,
ve l'aggia dicere o finale?
Ringrazianne a Dio
chesta storia ve l'aggie putute raccuntà.
Mò sto saglienne e scale appere
e finalmente è n'ata vota addore e casa.
Addore e casa mia.


ODORE DI CASA MIA

Sei giorni sono mancato di qua,
sei giorni appena,
questo è tutto.
Ma, sarà perché quello dove stavo
era luogo di sofferenza
che mi è sembrato un'eternità.
Una notizia improvvisa,
la paura che ti avvolge la testa
dentro a più di mille pensieri
e si presenta la malattia.
Quella brutta per davvero.
Leggi le carte
una, due, dieci, venti volte
e pare che non vuoi capirlo,
come per non arrenderti
a ciò ch'è scritto.
Ma il male è quello:
hai paura di nominarlo per gli altri
figurati per te stesso.
E allora inizia
la corsa al migliore ospedale,
al medico che ti offre più garanzie.
Ecco,
proprio così è accaduto a me
come chissà
a quante migliaia di persone.

Ma poi dopo i primi giorni
che passi a fare il bilancio di tutta la tua vita
come se già fossi morto,
ti rendi conto che
il medico più bravo
ce l'hai accanto
anche se non lo vedi.
Aspetta solo che lo chiami
e che ti affidi a Lui.
Diciamo la verità…
si può fare una scelta migliore?
E no,
Lui ci ha dato la vita
figuriamoci se adesso ce la vorrebbe togliere.
E, detto fatto,
gli ho parlato chiaro
come ad un vecchio amico.
Mi ha detto:”non stare in ansia,
me ne occupo io”
ed io mi sono affidato a Lui,
alla sua volontà.

Beh,
ve lo dire il finale?
Ringraziando Iddio
questa storia ho potuto raccontarvela.
Ora stò salendo le scale a piedi
e finalmente è di nuovo odore di casa.
Odore di casa mia.
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 05/08/2018
Guestbook 10/07/2018
News 12/05/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!