Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Domenica 27 Maggio 2018 13:42


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2010 << Indietro

Sezione Poesia
A MAMMA (TRESINA)
di Scarpone Antonio

'A trézza e u tuppu,
u cruogliu 'ngape quanne purtavi nu sacche o 'na fascina,
o quanne spuntavi c'u cestièddu cu r'u mangià, arrète 'a massaria:
ng'èra l'ommene ca zappava e se mangiava fore!
U "niure riapule " pe tènge i panni quanne ng'era nu luttu,
'a cauràra pe fa ru sapone cu 'a soda,
'a 'atta neura pe ind'a casa.
Re ghiurnate 'u lavature a lavà e sciacquà i panni
e se faciènne tanta re chiri cunti...
e mmù 'o lavature è sottatèrra!
Nu pocu Maronna e nu pocu Maddalèna.
Cèrte cose re capivi mègliu re mè, pecché tenivi penzièri sémplici!
Te préoccupavi ca i' nun pigliasse friddu
e 'a culazione pe mmè era sémpe pronta.
'A staggione r'a cota r're fraule,
sèglie re faucce c'u cernicchiu,
abbatte re cèuze ind'o lenzule,
re gratèdde spase cu re fiche a seccà.
Arracquà re notte l'uorte, c'u 'a luna,
mangianne cocche fédda re melone.
Re castagne vuddute e re mudditule.
Cumannavi tu quanne s'acceria u puorcu
e s'avìènna fà re sauzècchia, re supersate e l'ati salami.
A Pasca preparavi pastarélle, taralli e buscuttini
e a mè u pizzicocche cu l'uove vuddute ngoppa!
A Natale buccunotti, nocche, zeppule scaurate e cresciute!

Po' u Munne è cambiate...
...e pure tu si cambiata!


A mia madre (Teresa)

La treccia e il toupet,
il cèrcine in testa quando portavi un sacco o una fascina,
o quando spuntavi con la cesta piena di pietanze, dietro la masseria:
c'era l'operaio alla giornata e si pranzava in campagna!
Il "Nero Diavolo" per tingere di nero gli abiti quando c'era un lutto,
il pentolone per preparare il sapone con la soda,
il gatto nero per dentro casa.
Le giornate trascorse al lavatoio per lavare e sciacquare i panni
e a raccontare tante di quelle storie...
e adesso il lavatoio non c'è più!
Un po' Madonna e un po' Maria Maddalena.
Alcune cose le capivi meglio di me, perché avevi pensieri semplici!
Ti preoccupavi che io non prendessi freddo
e la mia colazione era sempre pronta.
La stagione della raccolta delle fragole,
cernere le fave con il setaccio,
raccogliere i gelsi in un lenzuolo,
le grate al sole con i fichi a essiccare.
Irrigare di notte l'orto, alla luce della luna,
mangiando qualche fetta di anguria.
Le castagne lesse e le caldarroste.
Comandavi tu quando si ammazzava il maiale
e bisognava preparare le salsicce, le soppressate e gli altri salami.
A Pasqua preparavi pasticcini, taralli e biscottini
e a me la ciambella con l'uovo sodo sopra!
A Natale castagnacci, dolci, frittelle scaldate e lievitate!

Poi il Mondo è cambiato...
...e anche tu sei cambiata!
Successiva -->>
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
News 12/05/2018
Eventi 10/05/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018
Ricordi quando 18/07/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!