Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia Go to english version Mercoledì 26 Gennaio 2022 12:16


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2011 << Indietro

Sezione Poesia
NA JURNATA
di Bellanca Giuseppe

Calla jurnata
ppi carusi dì strata.
Grida, friscati,
rumura di juchi
inchivanu a jurnata.
Jurnata di suli
rumura luntanu
apparecchi nnu cilu
di morti u signali.
L'ucchi di me patri
a unu a unu nni taliava
mentri o so pittu
a tutti nni strinciva.
'Ncapu i so spaddi
na sacchina arripizzata,
u bummuliddu d'acqua
e nu mizzicuni di pani.
Mentri s'alluntanava
cca manu nni salutava,
a so vucca nni diciva:
"Prestu riturnu,
nun vi preoccupati".
Lassammu dda casa
nna strata assulicchiata,
chiancinnu a salutammu,
nun la vittimu cchiù.
Sulu na fotografi
di me patri nni ristava.
Darrì c'era scrittu:
"Vi vugghiu beni".


Un giorno

Calda giornata
per i ragazzi in strada.
Grida, fischi,
rumori di giochi
riempivano la giornata.
Giornata di sole
rumori lontani
aerei nel cielo
di morte il segnale.
Gli occhi di mio padre
ad uno ad uno ci guardava
mentre al suo petto
a tutti ci stringeva.
Sopra le sue spalle
uno zaino rattoppato,
una fiaschetta d'acqua
e un tozzo di pane.
Mentre si allontanava
con la mano ci salutava,
la sua bocca ci diceva:
"Presto ritorno,
non vi preoccupate".
Abbiamo lasciato la casa
nella strada assolata
piangendo l'abbiamo salutata,
non l'abbiamo vista più.
Solo una fotografia
di mio padre ci restava.
Dentro c'era scritto:
"Vi voglio bene".
<<-- Precedente Successiva -->>
Copyright 2001-2020 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Contatti | Copyright | Privacy Policy


Ultimi aggiornamenti
Guestbook 24/01/2022
Eventi 23/08/2021
News 13/08/2021


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!