Trevico
Home - Concorso Irpinia Mia - Sezione poesia Go to english version Lunedì 23 Aprile 2018 12:18


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Concorso Irpinia Mia 2016 << Indietro

Terzo Premio
Premio Scola
Sez. Poesia
PELLEGRINAGGIO ALLA CROCE
di Sparano Ristori Antonia

Sei partita, Caterina,
di notte, da Teora
con la cesta del bimbo
sulla testa
nella lunga processione
di donne e uomini
che andavano alla Croce.
Guardavi le stelle mute
e pregavi
"Signore, fammi vivere
quisto criaturo accussì picciriddo
e tanto sicculillo
ca nun vole mangià
Te si pigliati in Paraviso
Angiulino e Michelillo
ma mò fa vivere quisto".
Camminavi scalza
per voto fatto
sulla terra umida
sulle pietre dure
sugli sterpi pungenti
andavi andavi
insieme alla folla
e salivi con tutti
la ripida collina.
Ma ecco il primo barlume
dell'alba
ecco brillare la lucina
della Croce
lassù ancora lontana.
I canti e le preghiere
aumentavano sempre di più
qualche voce gridava forte:
"Gesù Cristo mio,
fammi la grazia!"
Finalmente sei arrivata:
tanta gente in ginocchio,
tante candele accese,
tante voci stridenti,
tanti canti dolci.
Il bambino nella cesta
ha cominciato a strillare
forte, sempre più forte.
Come mai? Così buono
e silenzioso
con gli occhi spalancati
ora urla tanto ..... disperato.
Tu hai preso il piccino
l'hai messo al seno
ha cominciato a succhiare con forza
con la manina attaccata
al tuo petto
con decisione e prepotenza.
Allora hai sentito
sciogliersi il cuore
le lacrime calde e salate
scendere sul viso
dal viso al collo
e finire sul lattante
che succhiava.
Allora hai detto
"Grazie Gesù Cristo grazie,
grazie, mo Luigino è vivo!"

<< Secondo premio

Recensione
L'esperienza del pellegrinaggi salvifico emerge attraverso un testo fortemente descrittivo che condensa la forza del sentimento religioso nella rappresentazione ampia e articolata di una processione orante.
All'interno di questo quadro di insieme si staglia il simbolo potente della croce, fonte di speranza e di fiducia.
Il passaggio graduale dal buio della notte del viaggio alla luce del giorno dell'arrivo diviene simbolo del passaggio dall'oscurità del dolore alla luminosità della vita rappresentata in maniera estremamente efficace nell'immagine del neonato attaccato al seno della madre.
Maria Raffaella Calabrese De Feo
Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 27/03/2018
Statistiche demografiche 30/01/2018
News 14/10/2017
Ricordi quando 18/07/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!