Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Mercoledì 25 Aprile 2018 14:08


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtà attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle più alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio è senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e più difficili per la mancanza delle comodità e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralità, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

Callalar' e callalar' nun s' ting'n'.
Nero con nero non tinge.

Can' cuott' av' paura r' l'acqua fredda.
Cane scottato ha paura dell'acqua fredda.

Can' e gatt' mis' quatt', dui prien' e dui allatt'.
Cani e gatti mesi quattro, due di attesa e due di allattamento.

Capidd' riccij cijl'vureddra paccij.
Capelli ricci cervello pazzo.

Carcijr' e malatia, abb' pazienza patron' mij.
Carcere e malattia, abbi pazienza padrone mio.

Carna r' puorch', vot'la e men'la 'nguorp'.
Carne di maiale, girala e buttala giù.

Carr', chitarra e scuppetta, chi nun den' li siens' s' r' mett'.
Carro, chitarra e fucile, chi non ha i sensi se li metta.

Carta tenda mala a chi l'annetta.
Carta scritta guai a chi la deve sbrogliare.

Casa mia asc' mij, ogn' p'ndon' nu p'r'ton'.
Casa mia agio mio, ogni angolo una scoreggia.

Casa 'nghian', puorc' e can'.
Casa a livello di strada, porci e cani.

Casa quant' 'ngiabb't' e terra quant' scuopr'.
Casa per quanto vi abbiti e terra per quanta ne scopri.

Casa s'st'mata, muort' pr'parat'.
Casa terminata morto preparato.

Cavall' r' carrozza, bona giuv'ndù e mala v'cchiezza.
Cavalli di carrozza, buona gioventù e cattiva vecchiaia.

Cav'l', figl' e fogl', la s'menda nun po' fallì.
Cavoli, figli e foglie, il seme non può fallire.

Che n'amma spart', S. Anduon' e l'Ariella!
Che ci dobbiamo dividere, S. Antuono e l'Ariella!

Chi buon' carnuval' vol' fa, a S. Anduon' adda accumm'nzà.
Chi buon carnevale vuole fare, a S. Antonio deve cominciare.

Chi cacai murij e chi no la vita p'rdij.
Chi cacò morì e chi no la vita perse.

Chi camina lecca e chi s'assetta secca.
Chi cammina lecca e chi si siede secca.

Chi camina r'ritt' camba afflitt'.
Chi cammina diritto campa afflitto.

Chi cu tiemb' s' pr'cura, cu ora mangia.
Chi per tempo si procura, mangia a orario.

Chi cumanda nun sura.
Chi comanda non suda.

Chi eja call' eja malat' e chi eja fridd' eja 'nnammurat'.
Chi è caldo è malato e chi è freddo è innamorato.

Chi eja ciumb' r' man' e d' pier', vai a Carif' e trova muglier'.
Chi è monco di mani e di piedi, va a Carife e trova moglie.

Chi fabbr'ca a dieta perd' cal'cij, rena e pret'.
Chi fabbrica senza fondamenta perde calce, rena e pietre.

Chi lu pescij s' vol' mangià la cora s'adda 'nfonn'.
Chi si vuole mangiare il pesce deve bagnarsi la coda.

Chi mangia sul' strafoca.
Chi mangia da solo si strozza.

Chi massara vol' fa, ra figlia femm'na adda accumm'nzà.
Chi famiglia vuole fare, con la figlia femmina deve cominciare.

Chi 'mbresta mai arr'sesta e mai raccogl' tutt'.
Chi presta mai si riprende e mai raccoglie tutto.

Chi n' facij una, n' facij ciend'.
Chi ne fa una, ne fa cento.

Chi 'ngiuria t' vol' fa, 'mbasciator' s' 'nvengij.
Chi ingiuria ti vuole fare, per ambasciatore si fa passare.

Chi nun eja nat' 'ngasa nun g' tras'.
Chi non è nato in casa non vi entra.

Chi nun fabbr'ca e nun marita, lu munn' nu lu sap' mica.
Chi non costruisce e non marita, il mondo non lo conosce per niente.

Chi nun send' a mamma e tata spiert' vai ra piccijl'età.
Chi non sente a mamma e papà va in cerca di aiuto fin da piccolo.

Chi nun z' facij li fatt' suij, cu la lanterna vai truann' li uai.
Chi non si fa i fatti suoi, con la lanterna cerca guai.

Chi passeggia mureggia, chi canda vol' marit'.
Chi passeggia amoreggia, chi canta vuole marito.

Chi poch' spenn' poch' rend'.
Chi poco spende poco guadagna.

Chi prumett' e nun manden', ten' figl' ra mar'tà.
Chi promette e non mantiene, tiene figli da sposare.

Chi r' fatia nun abbonda, cu la fam' nun apparenda.
Chi non si stanca di lavorare, con la fame non s'imparenta.

Chi r'sist' lu fum', r'sist' r' corna
Chi resiste al fumo, resiste alle corna.

Chi s' corca cu r' criatur', a la matina s' trova cu lu liett' pisciat'.
Chi dorme con i bambini, si ritrova con il letto bagnato.

Chi s' n' r'spiacij r' r' carn' r' l'av't', r' soij s' r' mangian' li can'.
Chi se ne dispiace della carne degli altri, le sue se le mangiano i cani.

Chi s' vol' mangià ru pan' r' stu cunvend', adda fa lu cul' cum' a la sciummenda.
Chi vuole mangiare il pane di questo convento, deve fare il culo come una giumenta.

Chi s'alza prima cumanda.
Chi prima si alza comanda.

Chi s'alza r' matina, accocchia lu carrin'; chi s'alza r' iuorn', accocchia nu cuorn'.
Chi si alza di mattina, mette insieme un carlino; chi si alza di giorno, non mette insieme niente.

Chi sparagna facij mal' uaragn'.
Chi risparmia fa un cattivo guadagno.

Chi spart' av' la megl' part'.
Chi divide ha la parte migliore.

Chi t' caca 'nganna nun d' vol' muort'.
Chi cerca di darti da bere non ti vuole morto.

Chi ten' bona mugliera, tard' vai e v'locij ven'.
Chi ha buona moglie, tardi va e subito torna.

Chi ten' figl' e zenz'l', nun assess' a ballà.
Chi tiene figli e stracci, non uscisse a ballare.

Chi ten' la faccia tosta s' marita, e chi no, resta zita.
Chi tiene la faccia tosta si sposa e chi no resta zitella.

Chi ten' li sold' facij l'ati sold', chi ten' li p'rucchij facij l'at' p'rucchij.
Chi tiene i soldi fa altri soldi, chi tiene i pidocchi fa altri pidocchi.

Chi ten' nas' ten' creanza.
Chi ha naso ha creanza.

Chi ten' nu puorch' lu facij grass', chi ten' nu figl' lu facij fess'.
Chi tiene porci li fa grassi, chi tiene un figlio lo fa fesso.

Chi tropp' la fila la spezza.
Chi troppo la tira la spezza.

Chi tropp' vol' scì 'ngiel', vai r' faccia 'nderra.
Chi vuole andare troppo in cielo, cade di faccia per terra.

Chi Tr'vich' tr'mend', 'n'derra nun scetta s'mend'.
Chi guarda Trevico, a terra non butta sementi.

Chi uarda li puorc' sui nun eja chiamat' purcar'.
Chi guarda i suoi porci non è chiamato porco.

Chi vai a caccia a pil' e r' penn', niend' s'acquista e ru sui s' venn'.
Chi va a caccia di peli e di penne, niente acquista e il suo si vende.

Chi venn' rind' venn' doi vot'.
Chi vende dentro vende due volte.

Chi vol' abbà lu suj' v'cin', cur'cat' priest' e alzatt' r' matina.
Chi vuole gabbare il suo vicino, vada a dormire presto e si alzi di prima mattina.

Chi vol' fa li sold' cu lu cist' adda vutà r' spall' a Crist'.
Chi vuole fare i soldi col cesto deve voltare le spalle a Cristo.

Chi vol' grazia ra Dij, nun adda purtà pressa.
Chi vuole la grazia da Dio, non deve avere fretta.

Chi vol' mal' a sta casa adda schiattà prim' ca tras'.
Chi vuole male a questa casa deve schiattare prima che entra.

Chi vol' t'né li vuov' grass', lu juorn' chiuvess' e la nott' scambass'.
Chi vuole i buoi grassi, piovesse di giorno e cessasse la notte.

Chi vol' vai e chi nun vol' manna.
Chi vuole va e chi non vuole manda.

Chi vol' vengij s'adda 'n'vengij ra fess'.
Chi vuole vincere si deve fingere fesso.

Chian' chian' padr' e guardian'.
Piano piano padre e guardiano.

Chiù gruoss' eja lu purton', chiù gruoss' eja lu cijndron'.
Quanto più grande è il portone, più grande è il battente.

Cicijr' abbruscat' p' li carcijrat'.
Ceci abbrustoliti per i carcerati.

Cicijr' cuott' p' l'an'ma r' li muort'.
Ceci cotti per l'anima dei morti.

Ciel' mar' e munn' nun z' ver' mai lu funn'.
Cielo mare e mondo non si vede mai la fine.

Ciend' fal'cij e ciend' vandier', accijrier'n' lu ciuccij r' l'and'nier'.
Cento falci e cento pettorali, uccisero l'asino dell'accaparratore di manodopera.

Ciend' r' sti uai e mort' mai.
Cento di questi guai e morte mai.

Ciend' vot' m'sur' e na vota tagl'.
Cento volte misuri e una volta tagli.

Ciras' a mangià e femm'n' a vasà, nun t'eia mai straccà.
A mangiare ciliegie e a baciare donne, non ti devi mai stancare.

Citt' citt' 'mmiezz' a lu m'rcat'.
Zitto zitto nel mercato.

Ciuccij viecchij 'n'casa r' paccij mor'.
Ciuccio vecchio in casa di pazzi muore.

Cof'n' a mond' e cist' abbadd'.
Cofano sale e cesto scende.

Crai' 'ngrai' cum' a la cornacchia.
Domani domani come la cornacchia.

Cu li riebb't' nun z' mor' e 'n'galera mangh' s' vai.
Con i debiti non si muore e in galera neanche si va.

Cu lu tiemb' e cu la paglia ammatur'n' r' nespul'.
Con il tempo e con la paglia si maturano le nespole.

Cund' e cund', lu cund' t' resta.
Conta e conta, il conto ti resta.

Curnut' e mazziat'.
Cornuto e picchiato.

Curt' e mal' cavat'!
Basso e cattivo!

Cus' e scus' songh' doi cos' a fil'.
Cucire e scucire sono due cose in fila.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 29/04/2018
News 24/04/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018
Ricordi quando 18/07/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!