Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Lunedì 24 Settembre 2018 23:48


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtà attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle più alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio è senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e più difficili per la mancanza delle comodità e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralità, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

La addrina cu la vozza, vai acchiann' paragg' e sozz'.
La gallina con il gozzo, cerca il suo pari.

La addrina s' spenna quann' eia morta.
La gallina si spenna quando è morta.

La atta quann' nun pot' arr'và a ru lard', ricij ca sap' r'arang't'.
La gatta quando non può arrivare al lardo, dice che sa di rancido.

La atta r' z' Maria, prima chiang' e dopp' rir'.
La gatta di zia Maria, prima piange e dopo ride.

La cammisa ca nun bol' sta cu te, la strazz'.
La camicia che non vuole stare con te, strappala.

La capa can un parla s' chiama cucozza.
La testa che non parla si chiama zucca.

La carn' s' perd' e li can' arragg'n'.
La carne si perde e i cani si disperano.

La carna trist' nu la vol' mangh' Crist'.
La persona cattiva non la vuole nemmeno Cristo.

La casa eja piccula e la pacij eja grand'.
La casa è piccola e la pace è grande.

La cumbagnia facij l'om' ladr' e la femm'na puttana.
La compagnia fa l'uomo ladro e la donna puttana.

La fatia r' la festa, né t' cal'za, né t' vest'.
Il lavoro della festa, né ti calza, né ti veste.

La femm'na facij la casa e la femm'na la strur'.
La donna fa la casa e la donna la distrugge.

La lenga facij lu sciuoch'.
La lingua fa il gioco.

La lenga nun ten' l'uoss' e romb' l'uoss'.
La lingua non ha l'osso ma rompe l'osso.

La Maronna la sogra nu la vulij mangh' r' zucch'r'.
La Madonna la suocera non la volle nemmeno di zucchero.

La megl' parola eja quera can un ess' ra la vocca.
La migliore parola è quella che non esce dalla bocca.

La mort' cerca l'occasion'.
La morte cerca l'occasione.

La mort' nun guarda 'nfaccia a nisciun'.
La morte non guarda in faccia a nessuno.

La mugliera eja miezz' pan'.
La moglie è mezzo pane.

La mundagna chiù grossa eja la fam'.
La montagna più grande è la fame.

La pressa facij li figl' cijcat'.
La fretta fa fare i figli ciechi.

La prima sorta t' la manna Dij, la s'conda eja r' rimedia Pietr'.
La prima sorte te la manda Dio, la seconda è per rimediare Pietro.

La pruprijtà chi la facij, chi la manden' e chi la strur'.
La proprietà chi la fa, chi la mantiene e chi la distrugge.

La pulenda prima t'abbotta e pò t'allenda.
La polenta prima ti gonfia e poi ti lascia vuoto.

La vera l'mos'na eja quann'ai e dai.
La vera elemosina è quando ricevi e dai.

La vigna r' ciend' patrun' r'venda r'siert'r'.
La vigna di cento padroni diventa deserto.

La vita eja n'affacciata r' f'nestra.
La vita è un attimo.

L'acqua m' facij rann' e lu vin' m' facij candà.
L'acqua mi fa danno ed il vino mi fa cantare.

L'acqua passata nun macina chiù mulin'.
L'acqua scorsa non fa macinare più il mulino.

L'acqua trov'la 'nnand' e la chiara appriess'.
L'acqua torbida avanti e la chiara appresso.

L'agl' s' chiand'n' quann' s' vatt' lu magl'.
L'aglio si pianta quando si batte il miglio.

L'an'ma a Dij e la robba a chi aspetta.
L'anima a Dio e la roba a chi aspetta.

L'ascij r' la casa eja lu murtal' e la grattacasa.
L'agio della casa è il mortaio e la grattugia.

Lassa a chi figlia e curr' a chi parturiscij.
Lascia a chi sta figliando e corri da chi sta partorendo.

Lassa ru fuoch'ardent' e curr' a parturend'.
Lascia il fuoco ardente e corri dalla partoriente.

Latt' cupiert' nun g' cach'n' mosch'.
Latte coperto non ci cacano le mosche.

L'auciell' 'ngaggiol' canda p' raggia nò p' amor'.
L'uccello in gabbia canta per rabbia e non per amore.

Lev't' tu ca m'aggia mett' ij.
Levati tu che mi devo mettere io.

Li cund' songh' p' lu vat'cal'.
Le chiacchiere sono per il viandante.

Li figl' s' vas'n' quann' ruorm'n'.
I figli si baciano quando dormono.

Li luongh' p' r' fich' e li curt' p' marit'.
I lunghi per i fichi e i corti come mariti.

Li pariend' sogh' quir' ca fann' vicin' a r' coss'.
I parenti sono quelli che fanno vicino alle gambe.

Li prim' call' cuocijn', li prim' fridd' nuocijn'.
I primi caldi scottano, i primi freddi nuocciono.

Li pruverbij r' l'andic' nun sbagl'n' mai.
I proverbi degli antichi non sbagliano mai.

Li riend' so cum' a r' corna, quann' nascijn' fann' mal' e po' 'ng' s' mangia 'ngimma.
I denti sono come le corna, quando escono fanno male e poi ci si mangia sopra.

Li sold' 'mbizz'cann' pur' a r' man' r' li sand'.
I soldi si attaccano pure alle mani dei Santi.

Li sold' r' l'av't' caccijn' li tuij
I soldi degli altri cacciano i tuoi.

Li sold' r' lu carrucchial' s' r' mangia lu sciambagnon'.
I soldi dell'avaro se li mangia lo sciupone.

Li uai r' mamma s' r' chiang' tata.
I guai di mamma se li piange papà.

Liett' stritt' ficch't' miezz'.
Letto stretto infilati in mezzo.

L'om' cucciut' eja cum a lu adr' ca sura.
L'uomo cocciuto è come il gallo che suda.

L'om' facij figl' fin' a quann' porta na quarta r' caniglia.
L'uomo è fecondo fino a che riesce a portare un quarto di crusca.

L'om' gniurant' d'venda saput', s' nun patiscij nun s' 'm'bara.
L'uomo ignorante diventa saputello, se non patisce non impara.

L'om' p' la parola e lu vov' p' r' corna.
L'uomo per la parola ed il bue per le corna.

Lu can' r' viern' s' vol' fa la casa, ma la stagion' ogni foglia eja nu pagliar'.
Il cane d'inverno vuole farsi la casa ma in estate ogni foglia è un pagliaio.

Lu ciuccij porta la paglia e lu ciuccij s' l'ammaglia.
L'asino porta la paglia e l'asino se la mangia.

Lu cul' ca nun z'abbist' la cammina, quann' s' la mett' s' la caca.
Il sedere che non è abituato ad avere la camicia, quando se la mette se la sporca.

Lu liett' eja r' ros', s' nun duorm' t' r'puos'.
Il letto è di rose, se non dormi ti riposi.

Lu mal' cuscijtat' lu coscita Dij.
Il mal capitato lo aiuta Dio.

Lu mariuol' s' send' arrubbat'.
Il ladro si sente derubato.

Lu matt' fuscij e la casa resta.
Il matto fugge e la casa resta.

Lu megl' mar'nai s'annea.
Il miglior marinaio annega.

Lu nas' nun z' ten' sul' p' la mecca.
Il naso non si tiene solo per il muco.

Lu pastor' chi nun av' che fa, tengij la mazza.
Il pastore che non ha da fare, critica.

Lu Patratern' r' facij e lu riav'l' r'accocchia.
Il Padreterno li fa ed il diavolo li accoppia.

Lu Patratern' ven' cu la mazza r' la vammacia.
Il Padreterno viene con una mazza ovattata.

Lu patron' ca vol' arr'cchì, mett' l'om' e nun g' scì.
Il padrone che si vuole arricchire mette l'uomo e non ci va.

Lu pir' car' quann' eja ammaturat'.
La pera cade quando è maturata.

Lu prim' ann' o malat' o carcijrat'.
Il primo anno o malato o carcerato.

Lu puorch' camba n'ann' ma la p'rsona quand' vol' Dij.
Il maiale campa un anno mentre la persona quanto vuole Dio.

Lu put'ar' venn' quer' ca ten'.
Il bottegaio vende quello che ha.

Lu rucanett' eja cum a la mugliera.
L'organetto è come la moglie.

Lu rulor' eja r' chi lu ten', no r' chi passa e tr'mend'.
Il dolore è di chi lo tiene, non di chi passa e guarda.

Lu scarpar' vai' scal'z'!
Il calzolaio va scalzo!

Lu sfizij r' lu ciuccij eia la gramegna.
Lo sfizio dell'asino è la gramigna.

Lu Signor' t' chiur' na porta e t' n'apra doij.
Il Signore ti chiude una porta e te ne apre due.

Lu suonn'eja puv'riell', chi l'attenn', mar' a iss'.
Il sonno è poverello, chi gli va dietro, povero lui.

Luvandina o tre, o ott', o quinicina.
Il vento di levante dura tre, otto o quindici giorni.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 24/09/2018
News 27/08/2018
Eventi 24/08/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!