Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Domenica 21 Gennaio 2018 15:47


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtà attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle più alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio è senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e più difficili per la mancanza delle comodità e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralità, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

Magg' urtulan', vinn' li vuov' e accatta ru gran'.
Maggio ortolano vendi i buoi e compri il grano.

Mamm' e figl' pariend' allargh'.
Mamma e figli parenti lontani.

Mamma e figlia, cij cap'n' 'ndà na buttiglia.
Mamma e figlia, entrano in una bottiglia.

Mangh' li can' la vascia caruta.
Scansaci dalle cadute basse.

Mar' a chi serv' pop'l', 'mbagliar' mor'.
Povero a chi serve il popolo, nel pagliaio muore.

Mara a chi car' e chiama aiut'.
Povero chi cade e chiama aiuto.

Marcoffij 'nda la luna.
Marcoffio nella luna.

Marit' e figl', cum Dij t' r' manna t' r' pigl'.
Marito e figli, come Dio te li manda te li tieni.

Marz' sicch', massar' ricch', ma nun dand' sicch' s' no fai palicch'.
Marzo secco, massaro ricco, ma non troppo secco altrimenti resta deluso.

Mazz' e panell' fann' li figl' bell', pan' senza mazz' fann' li figl' pazz.
Botte e pane fanno i figli belli, pane senza botte fanno i figli pazzi.

Megl' a mangià nu caprett' ca nu capriccij.
Meglio mangiare un capretto che un capriccio.

Megl' avè na scupp'ttata ca na miria.
Meglio avere una fucilata che essere invidiato.

Megl' call' r' sera ca fridd' r' matina.
Meglio caldo di sera che freddo di mattina.

Megl' fess' ca sin'ch'.
Meglio fesso che sindaco.

Megl' lu sauc' nanz' cas'ta ca lu piers'ch' a la vigna.
Meglio il sambuco davanti casa che il pesco al vigneto.

Megl' nu figl' ca na malatia.
Meglio un figlio che una malattia.

Megl' nu marit' scurcill', ca n'amich' 'm'b'rator'.
Meglio un marito malandato, che un amico imperatore.

Megl' nu sold' r' sparagn' ca ciend' r' uaragn'.
Meglio un soldo di risparmio che cento di guadagno.

Mena acqua e mena farina fai na pizza quanta a na tina.
Butta acqua e butta farina fai una pizza quanto una tinozza.

Mena cal'cij a lu viend'.
Tira calci al vento.

M'nestra stufata, val' chiù r' nu rucat'.
Minestra stufata, vale più di un ducato.

M'rcand' fallut' nun bara chiù a spes'.
Mercante fallito non bada più a spese.

Mugliera mia piscia e vien't' corca.
Moglie mia piscia e vieni a dormire.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 07/12/2017
Eventi 21/10/2017
News 14/10/2017
Statistiche demografiche 23/09/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!