Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Domenica 21 Gennaio 2018 7:39


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtà attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle più alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio è senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e più difficili per la mancanza delle comodità e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralità, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

Na 'bbotta a lu chingh' e una a lu tumbagn'.
Una botta al chingh' (contenitore in terracotta) e una alla spianatoia.

Na cosa ca av' criat' Crist' nun z' pot' r'sist'.
A una cosa che ha creato Cristo non si può resistere.

Na l'ccata r' piatt', pur' na pietanza eja.
Una leccata di piatto, pure una pietanza è.

Na man' nun z' lava sola.
Una mano non si lava sola.

Na p'nzata t' porta 'ngiel', na p'nzata t' votta 'nderra.
Un pensiero ti porta in cielo, uno ti porta a terra.

Nat' r'stin rat'.
Nato destino assegnato.

Natal' cu lu sol' e Pasqua cu lu cijppon'.
Natale con il sole e Pasqua con il fuoco.

Né pescij a puort', né 'zalata a l'uort'.
Né pesce al porto, né insalata nell'orto.

Né puorch' r' Tr'vich', né femm'n' r' Sanda N'cola.
Né porci di Trevico, né donne di S. Nicola.

Né terra vicin' a vaddrun', né casa vicin' a signur'.
Né terra vicino ai burroni, né casa vicino a signori.

Nisciun' t' ricij lav't' la faccia ca sì chiù bella.
Nessuno ti dice lavati la faccia che sei più bella.

Nisciuna carn' resta a la chiana.
Nessuna carne resta al macello.

Nora senza sola, figlia scarpa e sola e guardunciell'.
Nuora senza suola, figlia con scarpe, suola e rinforzo.

Nor'ma r' stat' e figl'ma r' viern'.
Mia nuora d'estate e mia figlia d'inverno.

Nu scazz'cà li can ca ruorm'n'.
Non svegliare i cani che dormono.

Nun d' sai t'né tre cicijr' 'nganna.
Non ti sai tenere tre ceci in gola.

Nun mangià quand' hai e nun dicij quand' sai.
Non mangiare quanto hai e non dire quanto sai.

Nuttata p'rduta e figlia femm'na.
Nottata perduta e figlia femmina.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 07/12/2017
Eventi 21/10/2017
News 14/10/2017
Statistiche demografiche 23/09/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!