Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Lunedì 10 Dicembre 2018 23:37


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtà attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle più alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio è senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e più difficili per la mancanza delle comodità e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralità, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

P' casa mia songh' na rigina, p' casa toia nu stracc' ra cucina.
Per casa mia sono una regina, per casa tua uno straccio da cucina.

P' ciend'ann' 'nzurat' ricch'.
Per cento anni sposato ricco.

P' ess' na ronna p'rfetta c' vol' nat'ch' cul' e piett.'
Per essere una donna perfetta ci vogliono natiche, sedere e petto.

P' la Nunziata eja f'nuta la v'rnata.
Per l'Annunziata è finito l'inverno.

P' la rota e p' la vigna, s' mmarit'n' r' scign'.
Per una dote ed una vigna, si sposano anche le brutte.

P' li viecchij tre C songh' pericolos': catarr', caruta e cacarella.
Per i vecchi tre C sono pericolose: catarro, caduta e cacarella.

P' mett' lu p'nzier', eja mett' doi capa 'ngoppa a nu cuscin'.
Per mettere giudizio, devi mettere due teste su un cuscino.

P' Sanda Cat'r'nella la cerza scorr' e l'aliva accummenza.
Per Santa Caterina la quercia finisce e l'ulivo comincia.

Paes' cum s' abb'ta e casa cum s' usa.
Paese come si abita e casa come si usa.

Pan' e cappa mai scappa.
Pane e nebbia mai scappano.

Pan' e cijpoll' e cor' cundend'.
Pane e cipolle e cuore contento.

Panza chiena vol' r'pos'.
Pancia piena vuole riposo.

Parend' ca nun t'ama e vicin' ca nun send', fuscij cum a la pest'.
Parente che non ti ama e vicino che non sente, scansali come la peste.

Passa l'angijl' e dicij ammen.
Passa l'angelo e dice amen.

Patr' e patron', av' tuort' e vol' ragion'.
Padre e padrone, ha torto e vuole ragione.

Patr' nostr' fich' tost', ramm' ru pan' ca m'accost'.
Padre nostro fiche dure, dammi il pane che mi accosto.

Patr' nostr' fich' tost', trenta marit' nisciun' s'accosta.
Padre nostro fichi tosti, di trenta mariti nessuno si accosta.

Picca ann' picca p'ccat'.
Pochi anni pochi peccati.

Piccul' e mal' cavat'.
Piccolo e astuto.

Piccul' lu carrin' e sarria r'argend'.
Piccolo uomo ma di valore.

Piglia lu cucchiar' p' nun d' coc' r'ogna.
Prendi il cucchiaio per non cuocerti le unghia.

Pir' cuold', mara a chi 'ng' 'ngappa.
Pero colto, peggio per chi ci capita.

Pir' piriddr' ognun' penza p' iddr'.
Pir' piriddr' ognuno pensa per sé.

Pizz'l' e vas' nun fann' p'rtosa.
Pizzichi e baci non fanno danni.

Porta chiusa vis'ta fatta.
Porta chiusa visita fatta.

Pov'r' e unest'. Pov'r' e unest'.
Povero ed onesto.

Pov'ra quera casa 'ndò lu cappiell' nun 'ng' tras'.
Povera quella casa dove non entra il cappello.

Pozza caré quera casa chi stai quieta.
Possa cadere quella casa che sta quieta. Possa cadere la casa che sta tranquilla.

Preta c'arrocola nun facij mai ben'.
La pietra che rotola non fa mai bene.

Priev't', puorc' e can', semb' cu la mazza man'.
Preti, porci e cani, sempre con la mazza in mano.

Prima a chi ier' figlia e mo a chi sì mugliera.
Prima a chi eri figlia e adesso a chi sei moglie.

Prima ca lu parend' arriva, lu vicin' s' trova arr'vat'.
Prima che il parente arriva, il vicino si trova arrivato.

Prima ca tras', pan' e cas'; ropp' trasut', mangh' pan' p'rut'.
Prima che entri, pane e formaggio; una volta entrata, nemmeno pane ammuffito.

Prima r' Natal' né fridd' e né fam', ropp' Natal' fridd' e fam'.
Prima di Natale né freddo e né fame, dopo Natale freddo e fame.

Prumett' cert' e gabba s'cur'.
Promette certo e non mantiene sicuro.

Pulenda fin' a la porta e lagh'n' fin' a lu liett'.
Polenta fino alla porta e lagane fino al letto.

Puozz' squaglià cum' a la nev' r' marz'!
Che tu possa scioglierti come la neve di marzo!

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 10/12/2018
News 30/10/2018
Eventi 20/10/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!