Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Lunedý 21 Maggio 2018 9:25


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtÓ attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle pi¨ alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio Ŕ senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e pi¨ difficili per la mancanza delle comoditÓ e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralitÓ, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

Quand' n' vui r' mait'nat' t' lu fai nuov' lu v'stit'.
Quante ne vuoi di stupidaggini te lo fai nuovo il vestito.

Quann' a la femm'na lu cul' l'abballa, s' nun eja puttana riav'l' falla.
Quando la femmina ancheggia, se non Ŕ puttana il diavolo la farÓ diventare.

Quann' ai marit' ur', e quann' ai pann' strur'.
Quando hai marito godi, e quando hai panni consumi.

Quann' ai tuort', nun pui avŔ ragion'.
Quando hai torto non puoi avere ragione.

Quann' at' nun ai, cu muglier'ta t' curch'.
Quando altro non hai, con tua moglie ti corichi.

Quann' at' nun ai, 'nderra t' curc'.
Quando altro non hai, per terra ti corichi.

Quann' cala lu sol' allonga lu muss' lu patron'. Quann' cala lu sol' allonga lu muss' lu patron'.
Quando cala il sole si arrabbia il padrone.

Quann' canda lu cucul' ott' iuorn' chiov' e un'ora assuca.
Quando canta il cuculo otto giorni piove e in un'ora asciuga.

Quann' canda lu cucul' s' chiand'n' cicijr' e fasul'.
Quando canta il cuculo si piantano ceci e fagioli.

Quann' chiov' r' matina, acconz't' e camina.
Quando piove di mattina, aggiustati e cammina.

Quann' eja sazzia la mia panza, eja tranguilla la mia famiglia.
Quando Ŕ sazia la mia pancia, Ŕ tranquilla la mia famiglia.

Quann' la m'sura s'eja chiena, s' scetta p' cimma.
Quando la misura Ŕ piena, se ne esce da sopra.

Quann' lu cul' trona, lu mier'ch' crepa.
Quando il sedere scorreggia, il medico crepa.

Quann' marz' ru bol' fa, facij chiov' e n'v'cÓ.
Quando marzo vuole, fa piovere e nevicare.

Quann' 'ndriddr' e quann' nun ess'.
Quando c'Ŕ troppo da fare e quando niente.

Quann' nun tien' pan', tien' fam'; quann' nun tien' acqua, tien' set'.
Quando non hai pane, hai fame; quando non hai acqua, hai sete.

Quann' s' mangia s' cumbatt' cu la mort'.
Quando si mangia si combatte con la morte.

Quann' s' ricij na cosa, s' nun eia tutta eia mezza.
Quando si dice una cosa, se non Ŕ tutta Ŕ mezza.

Quann' stai buon' Rocch', stai bona tutta la rocca.
Quando sta bene Rocco, sta bene tutta la rocca.

Quann' t' crir' r' fa na bona mangiata, riest' r'sciun'.
Quando credi di farti una buona mangiata, resti digiuno.

Quann' t'eja fa passÓ nu capriccij, mang't' nu craprett'.
Quando devi farti passare un capriccio, mangiati un capretto.

Quann' tron'la chiov', quann' r'lamba scamba.
Quando tuona piove, quando fa i fulmini smette.

Quann' Tr'vich' ten' la cappa, Arian' nun scappa.
Quando Trevico ha la nebbia, Ariano non scappa.

Quann' un' s' trova a bballÓ, adda abballÓ.
Quando uno si trova a ballare, deve ballare.

Quann' viern' nun virn'eja, stat' mangh' stat'eja.
Quando l'inverno non sfoga, l'estate nemmeno sarÓ estate.

Quann' vir' ru fuoch' r' lav't', stuta ru tui.
Quando vedi il fuoco degli altri spegni il tuo.

Questa carn', questa salza vol'.
Questa carne, questa salsa vuole.

Questa eja la via e p'scata vol' ess'.
Questa Ŕ la strada e pestata vuole essere.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
News 12/05/2018
Eventi 10/05/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018
Ricordi quando 18/07/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!