Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Martedì 23 Gennaio 2018 19:06


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtà attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle più alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio è senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e più difficili per la mancanza delle comodità e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralità, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

R' corna r' lu pov'riell' so r' nocij, quer' r' li signur' so r' vammacia.
Le corna dei poveri sono di noce, quelle dei signori sono di bambagia.

R' frecul' ca vann' 'nderra, nun so mai p'rdut'.
Le briciole che vanno a terra non sono mai perdute.

R' la vigna eja canoscij lu sit', r' la zita lu par'ndat'.
Della vigna devi conoscere il sito, della fidanzata la parentela.

R' nuviell' r' Natal', niend' puort' e niend' ai.
Alle novene di Natale, niente porti niente ricevi.

R' stu l'gnam', s' fann' sti zuocch'l'.
Di questo legno si fanno questi zoccoli.

Rai ru tui a l'av't' e sì buon' cristian'.
Dai il tuo agli altri e sei buona persona.

Rap' ra pest' eja la stessa m'nestra.
Rape da pestare è la stessa minestra.

Ricij lu muort', statt' buon' e va cu Dij.
Dice il morto, stammi bene e va con Dio.

Rimm' a chi ssì figl' ca t' rich' a chi assumigl'.
Dimmi a chi sei figlio che ti dico a chi assomigli.

Rir' lu ciuccij a vist' l'er'va fresca.
Ride il ciuccio ha visto l'erba fresca.

Robba 'nderra, sp'ranza 'ngiel'.
Roba in terra, speranza in cielo.

Ropp' arrubbat' a Sanda Chiara, fecijr' r' port' r' fierr'.
Dopo aver derubato Santa Chiara, fecero le porte di ferro.

Ropp' la festa, vorsa vacand' e mal' r' testa.
Dopo la festa, borsa vuota e mal di testa.

Ropp' la mort' ven' lu giurizij.
Dopo la morte viene il giudizio.

R'ova can un t' mangij a Pasqua, nun t' r' mangij cchiù.
Le uova che non ti mangi a Pasqua, non le mangi più.

Ru fuoch' eia buon' trir'cij mis' a l'ann'.
Il fuoco è piacevole tredici mesi all'anno.

Ru ghiangh' e russ' ven' ra lu muss'.
Il bianco e rosso viene dalla bocca.

Ru pan' ca m'briest' t' sarria r'nnut'.
Il pane che dai ti sarà reso.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 07/12/2017
Eventi 21/10/2017
News 14/10/2017
Statistiche demografiche 23/09/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!