Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Lunedì 22 Ottobre 2018 11:38


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtà attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle più alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio è senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e più difficili per la mancanza delle comodità e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralità, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

S' facij t'rà la cal'zetta!
Si fa tirare per il calzino!

S' fuss' p' vulè.
Se fosse per volere.

S' la zita n' sapess' quand' n' sap' la mar'tata, lu munn' fuss' f'rnut'.
Se la donna nubile ne sapesse quanto la sposata, il mondo sarebbe finito.

S' n' vai cu na man' 'ngul' e nata 'ngap'.
Se ne va con una mano sul sedere e una in testa.

S' ricch' m' vuleva, lu patratern', pov'r' nun m' faceva. S' ricch' m' vuleva, lu patratern', pov'r' nun m' faceva.
Se ricco mi voleva, il padreterno, povero non mi faceva.

S' vui ess' buon' cristian' rai r' tui a l'av't'.
Se vuoi essere buona persona dai il tuo agli altri.

S' vui fott' lu puglies', mitt' gran' 'n'goppa a mascesa.
Se vuoi fregare il pugliese, metti il grano su un terreno incolto.

S' vui mett' lu per' a tutt' r' pret' nun arriv' mai.
Se vuoi mettere il piede su tutte le pietre, non arrivi mai.

S' vui uardà lu tiemb' r' Tr'vich', fatia nun n' fai mica.
Se vuoi guardare il tempo di Trevico, lavoro non ne fai mica.

S' vui uardà Tr'vich', nun simm'n' mica.
Se vuoi guardare Trevico, non semini mai.

Sand' viecchij nun z' leva chiù copp'la.
Santo vecchio non si leva più berretto.

Sangh' aggiund'.
Sangue aggiunto.

Scappa quand' vui ca qua t'aspett'.
Scappa quando vuoi che qua ti aspetto.

Sciam' addret' addret', cum a la cot'ca 'ngimma a li caravun'.
Andiamo indietro indietro, come la cotenna sui carboni.

Semm'na quann' vui ca a luglij miet'.
Semina quando vuoi che a luglio mieti.

Senza sold' nun s' canda messa.
Senza soldi non si canta messa.

Simm' priev't' paisan'.
Siamo preti paesani.

Sol' r' viern' e nuv'la r' stat', femm'na fisciuta e po' turnata.
Sole d'inverno e nuvola d'estate, donna scappata e poi tornata.

Sold' r'av't', vorsa vacand'.
Soldi di altri, borsa vuota.

Songh' f'nut' r' quatt' mangiat'.
Sono finite le quattro mangiate.

Songh' r' S. Suoss' e m' n' glorij, tengh' la capa tosta e m' n' serv'.
Sono di S. Sossio e me ne vanto, ho la testa dura e me ne servo.

Sott'a la gregna la fam' regna.
Sotto il covone la fame regna.

Sott'a na mala spina nascij na bbona rosa, e sott'a na bbona rosa nascij na mala spina.
Sotto una brutta spina nasce una bella rosa, sotto una bella rosa nasce una brutta spina.

Spina a gatt', uoss' a can'.
Spina ai gatti, osso ai cani.

Spusalizij e maccarun', call' call'. Spusalizij e maccarun', call' call'.
Matrimoni e maccheroni, caldi caldi.

Stai sazia la panza mia, stai cundenda la famiglia mia.
Sta sazia la mia pancia, sta contenta la mia famiglia.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Guestbook 21/10/2018
Eventi 20/10/2018
News 18/10/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!