Trevico
Home - Cultura - Proverbi Go to english version Venerdý 20 Luglio 2018 12:58


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

Proverbi

I proverbi di un popolo ne rispecchiano l'anima e la mente. Essi rappresentano la chiave di lettura della realtÓ attraverso la cultura popolare di cui, dunque, sono una delle pi¨ alte espressioni. Nella vita quotidiana, essi diventano fonte di utili insegnamenti, soprattutto per quello che riguarda la famiglia e l'agricoltura.
Ogni proverbio Ŕ senz'altro una sentenza e, anche se si riferiscono a tempi ben diversi e pi¨ difficili per la mancanza delle comoditÓ e degli agi di cui godiamo oggi, da essi emerge una vita basata sulla moralitÓ, l'onore, il rispetto ed il lavoro.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V

Va a la fera ca lu fess' eja giÓ sciut'.
Vai alla fiera che il fesso Ŕ giÓ andato.

Va cu chi eja megl' r' te e fall' r' spes'.
Va con chi Ŕ migliore di te anche se ci rimetti le spese.

Vai truann' cas' carut'.
Cerca il danno altrui.

Val' chi¨ n'acqua tra maggij e abril' ca nu carr' r'or' e chi lu tira.
Vale pi¨ una pioggia fra maggio e aprile che un carro d'oro e chi lo tira.

Vatt' lu maglij, chianda l'aglij.
Batte il maglio, pianta l'aglio.

Viat' a quera casa 'nd˛ ghirica 'ng' tras'.
Beata quella casa dove entra la chierica.

Viest' cijppon' ca par' baron'.
Vesti un ceppo e sembrerÓ un barone.

Vov' pascij e cambana sona.
Buoi al pascolo e la campana suona.

Vui accir' la serpa, rall'la 'n'gap'.
Vuoi ammazzare il serpente, picchialo in testa.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 05/08/2018
Guestbook 10/07/2018
News 12/05/2018
Statistiche demografiche 27/03/2018


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!