Trevico
Home - Competition Irpinia Mia - Section poetry Vai alla versione italiana Saturday 20 January 2018 6:09


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn
Competition My Irpinia 2008 << Back

Prize Ettore Scola
Section Poetry
of Settembrino Saveria

'O VINO
'O pate 'e Natalina, 'n'amica mia,
teneva 'na cantina
ch'era tutt' uno cu a cucina.
Si chiudo ll'uocchie
m' allicordo o' fummo d' 'e mezzune
e addore de' fave cotte dint' 'a caurara
'e ramma,
che sapore cu chello sale 'ncoppo!
Chili' uommene ch'ascevano sempre 'mbriache
me facevano paura
Ma 'io po' penzavo:
"si tremmano 'ncoppo 'e cosce
che me ponno fa?"
Mo se parla sempe 'e vino.
So' asciute e sommellier, gli assaggiatori...
Ma qual è 'a differenza?
lo assaggio il vino -dicono- ma non lo bevo.
Parlo del retrogusto, degli odori,
del sapore, del colore...

Ma io preferisco 'e bevitore' e vino
d' 'a cantina 'e Natalina,
pecchè tenevano' o coraggio e se 'mbriacà. Ll'atu
juorno so 'gghiute 'o paese mio,
'ncoppo 'a casa disabitata,
nce rimasto scritto: VINI.
Na lacrema m'è scesa...
E me so gghiuta a 'mbriacà,
pè dimenticà


AMMORE
L'ammore a me nun m'ha vuluto bbene!

Ogne vota ca me songo 'nnammurata
è stato sempe sufferenza!

So' fatta i' malamente?
O chi m'aveva prumettuto 'ammore?

Chella meza pacca' e mela
Nun me data da truvà...
Chisà chi s'ha mangiata!

Ma che vita, però, sta vita mia.
T'adduorne e te scite sola
E suoffre sapenne ca nisciuno penza a te.

Si stu core, nu juorno,
vo arapì 'na purticella,
i 'a chiudo. Nun voglio cchiù penà!

Però, penzannece, 'e llacreme d'ammore
so 'e cchiù belle
pecche: v'immaginate a vita
'e chi nun ha maje chiagnuto pe' nisciuno?

Copyright 2001-2015 Trevico.net - All rights reserved
Credits | Contact | Copyright | Privacy Policy



Latest updates
Guestbook 07/12/2017
Event 21/10/2017
News 14/10/2017
Demografic statistics 23/09/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!