Trevico
Home - Monumenti - La Cattedrale Go to english version Lunedì 20 Novembre 2017 1:24


Condividi Facebook Google+ Twitter LinkedIn

La Cattedrale SS. Maria Assunta

La Cattedrale SS. Maria Assunta La Cattedrale, fu costruita tra il 455 ed il 534 probabilmente sul tempio distrutto della Dea Trivia, e divenne Cattedrale nel 1058 quando Trevico fu elevata a Diocesi. In tale occasione, fu ingrandita e la pianta trasformata da croce greca in una lunga navata centrale con cappelle ed altari a destra e sinistra ed il presbiterio in fondo, mentre l'ingresso fu ricavato nel corpo del campanile.
La Cattedrale SS. Maria Assunta Nel XVI sec. fu ampliata e parzialmente restaurata mentre, dopo il 1670, furono eseguiti vari lavori per migliorarne le pessime condizioni. L'8 settembre 1694, durante il sinodo tenuto dal Vescovo Francesco Proto, si verificò un terribile terremoto che distrusse la sagrestia ed il campanile che venne riparato alla meglio. Nel 1702, un altro terremoto causò ingenti danni. Nel 1704 fu restaurata ad opera del Vescovo Viglini e, il 2 ottobre del 1729, per decreto di Papa Benedetto XIII, fu consacrata dal Vescovo Filomarino. Nel 1731 il Vescovo Leonardis eseguì alcune opere di miglioramento. Nuovamente danneggiata dal terremoto del 29 novembre 1732 fu risistemata nel 1735 e, nel 1777, venne restaurata ed abbellita per opera del Vescovo Rogani.
La Cattedrale SS. Maria Assunta Verso la fine dell'800, furono abbattute e ricostruite due volte, quella fra la cappella di S. Anna e del Rosario e quella fra l'altare di S. Antonio e la Cappella del SS.mo Sacramento. Il muro ad ovest, dove si trova il tiglio secolare, venne rinforzato con quattro solidi pilastri e con due archi maestosi su progetto dell'Ing. Marinelli.
Nel 1923, in previsione dell'incoronazione della Madonna SS.ma della Libera, avvenuta il 7 Settembre del 1924, fu rinnovato il pavimento con marmette di cemento a colori bianco e nero, dalla Ditta Romeo Valentini d'Ascoli Piceno. Il terremoto del 1980 danneggiò gravemente la Cattedrale con il crollo del tetto in legno, già ricostruito nel 1936 con due volte in rete metallica in seguito al terremoto del 1930. Dopo anni di restauro e consolidamento, dai quali è emerso anche che la struttura era priva di fondamenta, la Cattedrale è stata riaperta solo l'8 agosto 1998. Oggi spiccano ancora una nicchia del 1400 rivestita in marmo con dorature, di S. Vincenzo; l'urna in argento contenente le reliquie di S. Euplio, patrono del paese; due capitelli corinzi.
La Cattedrale SS. Maria Assunta Gli altari sono sette, alcuni di marmo pregiato, come l'altare maggiore, altri in pietra colorata e sono dedicati, a sinistra a: S. Anna, S. Antonio, Maria SS. della Libera; mentre a destra troviamo: la cappella del SS. Rosario con il Battistero in pietra del 1618 recante lo stemma vescovile, sostenuta da un'elegante colonnina e sormontata da una statua di S. Giovanni Battista; la cappella del SS. Sacramento con balaustra di marmo e cancello di ferro battuto; e l'altare di S. Euplio con la nicchia in cui è custodita l'Urna con le reliquie del Santo.
La Cattedrale SS. Maria Assunta Nel presbiterio è situato l'altare maggiore, su cui troneggia il quadro di Maria SS. Dell'Assunta, e il coro ligneo settecentesco con i 12 stalli per canonici e il trono vescovile, finemente lavorati. Nel 2008 sono state donate, da Pasquale Scavina e consorte, due icone bizantine raffiguranti S. Euplio e la Madonna della Libera, realizzate dall'iconografo italo-argentino Gustavo Costanzo. Oltre alle reliquie di S. Euplio, la Cattedrale custodisce dal 1627 anche quelle di Santa Rosalia, martire palermitana, ricordata da un'immagine in gesso situata sulla porta della sacrestia, e di S. Felice Martire.
La Cattedrale SS. Maria Assunta Sulla porta d'entrata, dalla parte interna, era situato un organo monumentale del 1905, donato dalla famiglia Cuoco Michele. Nel 2004, dopo un lungo restauro eseguito a Monteverde, l'organo è stato posizionato nella cappella del SS. Sacramento. E' dotato di comandi a mano e a pedale per simulare il suono di vari strumenti quali violino, viola, flauto, clarino ecc. e, dal 1932 al 1980 è stato suonato da Picari Alfonso.
Per i suoi pregi artistici ed architettonici, la Cattedrale di Trevico è stata dichiarata Monumento Nazionale.

La Cattedrale SS. Maria Assunta

(N. 814) Decreto che accorda la facoltà per accettarsi dalla cappella del SS. Sacramento in Trevico nel Principato ulteriore il pio legato disposto da D. Orsola Paglia con testamento pubblico de' 25 di febbraio 1845 pel notaio in Vallata Stanislao Leone, dovendo osservarsi le condizioni e clausole additate nell'atto medesimo, di che sarà preso notamento insieme al legato in parola nella platea corrispondente, salvo i dritti de' terzi. (Napoli, 23 dicembre 1853)*

(N. 815) Decreto contenente il sovrano beneplacito accordato alla cappella di S. Filomena in Trevico nel Principato ulteriore per accettare il pio legato disposto in pro della medesima D. Orsola Paglia con pubblico testamento de' 25 di febbraio 1845 pel notaio in Vallata Stanislao Leone, ben inteso che dovranno osservarsi le condizioni e clausole ivi espresse, e prendersi nota del suddetto legato e degli obblighi annessivi nella platea corrispondente, salvo i dritti de' terzi. (Napoli, 23 dicembre 1853)*

* Collezione delle leggi e de' decreti reali del Regno delle Due Sicilie. Anno 1826, 1853.

Copyright 2001-2015 Trevico.net - Tutti i diritti riservati
Credits | Contatti | Copyright | Privacy Policy



Ultimi aggiornamenti
Eventi 21/10/2017
News 14/10/2017
Statistiche demografiche 23/09/2017
Ricordi quando 18/07/2017


Valid HTML 4.01 Strict
CSS Valido!